Google+
Richiedi dettagli login
   
     
search
 
INFO - GUIDA ALL′AF...
STORIE - LONDRA CIT...
STORIE - CAPOLAVORI...
STORIE - EGREGIE CO...
STORIE - CAMERA CON...
STORIE - LA RUOTA D...
STORIE - FOOD FOR T...
INFO - PATENTE
INFO - MEDICI E SAN...
INFO - AIRE
INFO - AMBASCIATA
ADDIO ALLE ARMI
VIAGGI-BAHAMAS
VIAGGI-ANTIGUA
STORIE - WEEKEND
STORIE - TROPPO TEM...
STORIE - LE CASE
STORIE - IL CAPPOTT...
STORIE - BYE BYE MA...
STORIE - APERITIF L...
JACK LO SQUARTATORE...
LONDRA E LE VESPE.....
LONDRA A 2 RUOTE
Food for thought (mangiare e’ imbrogliare)
Stampa
di Roberto Castiglioni

“Mi scusi padre, ho peccato ancora. Ho imbrogliato, ho tradito le aspettative dei miei colleghi inglesi, ho rotto quel sottile filo di fiducia che mi teneva legato all’universo dei colleghi anglosassoni.

Come dite? Cos’ho combinato questa volta? No, non sono finito a letto con la moglie del mio capo. No, non ho neanche rubato le offerte dei bimbi del Biafra. Mi sono semplicemente permesso di mangiare durante una sessione di heavy drinking coi colleghi...” ...Avreste dovuto vedere il loro sguardo quando mi hanno beccato nascosto in un angolo del pub ad addentare un hamburger. Bocche spalancate, indici accusatori puntati contro l’infedele. Eating is cheating da queste parti, al contrario di quanto sostiene il governatore-terminator Arnold Schwarzenegger.

That’s it, out of the circle of trust da ora in poi.
In effetti sono stati molto chiari fin dall’inizio; “Stasera si esce, prima all’SOS a Smithfield, poi al The Dollar a Exmouth market per dei Martinis e poi andiamo a Hoxton in un club e cerchiamo di essere belli ubriachi per la fine della serata”.

Ovviamente mi hanno obbligato a lasciare lo scooter a casa, don’t drink&drive e’ una cosa seria qui, quasi come il drink&drive in Italia… Vi lascio immaginare com’e’ finita la serata...io ostracizzato e abbandonato nel mondo dei sani, a parlare con me stesso e a riflettere di come non sia un team player. Alcuni colleghi che oramai fuori come dei balconi parlavano nonsense, cercando di accoppiarsi con qualsiasi cosa in movimento, mentre altri venivano in contatto col marciapiede con la loro faccia come la mia segretaria bionda dell’Essex (perche’ le segretarie sono tutte bionde e dell’Essex?), che ad un certo punto ha pensato bene di guardare da vicino la composizione del cemento del marciapiede, perdendo nella sua esplorazione un dente e facendosi due begli occhi neri.
Food for thought (mangiare e’ imbrogliare)
Food for thought (mangiare e’ imbrogliare)
Food for thought (mangiare e’ imbrogliare)
Food for thought (mangiare e’ imbrogliare)
Ed io, eccomi qui, sabato mattina con un bel mal di testa degno di moglie fredifraga davanti alla televisione a guardare un programma di cucina. Vi siete mai svegliati presto durante il weekend e acceso la tv? Ci sono due tipi di programmi, quelli per i bambini (fossi ancora un bambino, dormirei fino a mezzogiorno...ma che cazzo c’avranno da fare i ragazzini alle 8 del sabato mattina??) e programmi di cucina. La cosa piu’ interessante che hanno cucinato stamattina e’ una torta salata con lepre e scampi... Ma devi avere la bocca foderata di moquette per mangiare una cosa del genere! Le mie papille gustative andrebbero in sciopero con un piatto cosi’ ! E non e’ un piatto proposto dall’ultimo disperato che passava dalla BBC ma da uno chef con tanto di stella Michelin!
Ma perche’ i sudditi devono litigare con gli ingredienti? Non voglio essere polemico e fare il solito italiano pizza / pasta che si lamenta del caffe’ che non e’ buono o che non si trova la finocchiona...o che la passata di pomodoro dell’ASDA non e’ buona come quella della Slunga...Anzi, sapete che vi dico? Per una volta non voglio scrivere dei difetti degli inglesi e di come non abbiano una cultura culinaria, ma vorrei descrivere alcuni atteggiamenti dell’emigrato italiano o l’emigrato affetto da sindrome del soffritto... Vi diro’ di piu’, per l’occasione prendo baracca e burattini e me ne vado a scrivere il pezzo da Caffe’ Nero e voglio vedere chi e’ il primo disperato che si lamenta del caffe’.

Alla prossima. E ricordatevi, Eating is NOT cheating!

Roberto Castiglioni
roberto@italiansoflondon.com
 
 










      Help
© 2017 - Italians of London - Powered by Jelok